Faccette dentali, cosa sono e come applicarle.
COSA SONO?

Quando parliamo di faccette dentali, dette anche faccette estetiche, ci riferiamo a delle lamine in resina o in ceramica che hanno la funzione di ricoprire la superficie anteriore dei denti, per andare a modificare forma e colore o per nascondere imperfezioni e difetti.

Mentre le faccette in ceramica risultano più simili allo smalto dei denti e sono più resistenti a macchie e ingiallimento, quelle in resina possono essere realizzate con un minor spessore con conseguente minore rimozione di materiale dalla superficie del dente per il loro posizionamento.

PERCHÉ APPLICARLE?

Le faccette dentali rappresentano il metodo meno invasivo per risolvere difetti di natura estetica, per esempio:

  • Denti rotti o scheggiati.
  • Macchie indelebili o scolorimento da eventuali trattamenti canalari.
  • Spazio eccessivo tra i denti.
  • Denti irregolari o non allineati.
  • Accumulazione di troppo fluoro in giovane età.
QUAL’È LA PROCEDURA DA SEGUIRE?

Dopo un’accurata diagnosi e la scelta delle faccette è importante avere un quadro preciso del risultato che si vuole ottenere, per essere completamente soddisfatti a lavoro terminato. Il passaggio successivo consiste nel prendere l’impronta della dentatura, in un secondo momento verrà effettuato un modello dei singoli denti che verrà poi applicato dopo la rimozione di una quantità di smalto quasi uguale allo spessore della faccetta.

Rivolgetevi al vostro dentista di fiducia che saprà consigliarvi sul trattamento più adatto a voi.